L’arrivo a casa di Leila

Siamo a casa da poche ore. Solo l’altro ieri Leila era ancora all’allevamento, piccola e insicura com’è, con il suo fratellino e la sua sorellina.

Il viaggio verso la sua nuova casa è andato bene, all’interno del trasportino sul sedile posteriore. Solo qualche guaito e un piccolo rigurgito, ma niente di grave…

Certo, questo momento di separazione e di transizione verso la nuova famiglia è per il cane sempre una situazione di forte stress. Ma Leila sembra aver sopportato bene il duro colpo.

Dopo circa mezz’ora arriviamo finalmente a casa.

Leila ha paura ad uscire dal trasportino. Trema, non conosce nulla di quello che sta vedendo intorno a sè e questo la spaventa molto. Con un eccesso di coraggio le sue zampotte da cucciola finalmente sfiorano leggere il parquet, che scopre fortunatamente non essere freddo come forse nella sua testolina immaginava.  

Io e mia moglia la osserviamo. Proviamo ad aiutarla e a tranquillizzarla con un tono della voce basso e calmo, sereno. La chiamiamo per nome, lei si nasconde sotto il tavolo intimorita. Prova quindi non senza titubanza ad uscire allo scoperto, piano. Le mostriamo quindi quella che sarà la sua nuova cuccia. Leila si avvicina e dolcemente la prendiamoe la adagiamo all’interno. Le piace, inizia a rotolarsi e ad annusare il soffice cuscino.

Ogni minimo rumore la spaventa, ma è tutto normale.

Leila ha mai visto prima questo ambiente, la casa, le luci, gli odori. È tutto nuovo per lei. È tutto nuovo anche per noi.

Dovremo conoscerci piano piano, un passo alla volta, senza fretta, scambiandoci ogni giorno energie positive e reciproci insegnamenti.

Ad un certo punto però succede qualcosa. All’improvviso lo sguardo della cucciola si “accende”, punta verso un oggetto lontano. La debole ma già visibile muscolatura assume consistenza, il corpicino si allunga e si irrigidisce.

Leila ha appena scoperto l’esistenza della pallina da tennis.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *