Come insegnare al nostro cucciolo ad espletare i bisogni

Il bellissimo cucciolo che è entrato da poco nella nostra casa ci ha già riempito il cuore. Lo sentiamo già parte della famiglia, così piccolo, tenero, dolce e ”….nooooo, aspet…ecco, ha fatto i bisogni sul parquet”.

Ebbene sì, i cuccioli sono per l’appunto cuccioli, e al pari di noi umani fanno i bisogni e in questa fase devono ancora imparare a controllarli. Ed è nostro dovere aiutarli e seguirli in modo che tutto si svolga senza intoppi né soprattutto traumi.

L’istinto porta i piccoli cani a fare i bisogni tendenzialmente su superfici “accoglienti” e morbide. Inoltre tendono a ripetere i bisogni là dove li hanno espletati precedentemente. Questi sono due elementi fondamentali da tenere a mente.

Un altro aspetto importante è il loro linguaggio del corpo. Osservando e stando vicini al nostro cucciolo, capiremo giorno dopo giorno e senza troppa fatica quanto sta per accadere, e dovremo nel tempo imparare ad accorgercene per intervenire e fare sì che questi vengano espletati laddove desideriamo.

Ci sono essenzialmente due correnti di pensiero a proposito: la traversa assorbente e i bisogni all’aperto.

La prima, decisamente più comoda per i proprietari, è inizialmente anche il metodo più facile da apprendere per il piccolo cagnolino. Infatti basterà fin da subito avvicinarlo alla traversa, fargliela annusare, conoscere e, magari con l’aiuto di un piccolo premio, rendergliela familiare. Quando farà il primo bisogno sulla traversa, lo premieremo con gesti plateali, dolcezza e premi in cibo. Il cane tenderà a ripetere fin da subito questo comportamento, fermo restando che specialmente nei primi 4 mesi di vita, non hanno il pieno controllo del corpo e le pipì in giro saranno comunque probabili.

Far fare i bisogni all’aperto invece è decisamente più “corretto”, laddove si abbia uno spazio all’esterno o si accompagni il cane a fare una passeggiata. Certo non dobbiamo confondere la passeggiata per i bisogni con una passeggiata esplorativa, che ha tutt’altro significato.

Nelle prime uscite sarà importante portare il cane nei pressi di un’aiuola o di uno spazio verde, possibilmente in una zona tranquilla senza traffico o rumori forti. Il cucciolo comincerà a usare il naso, si muoverà fino a quando espleterà i suoi bisogni. Sarà allora che lo premieremo. Ripeteremo poi il medesimo rituale per i gironi successivi. Il cane poco a poco controllerà sempre più i bisogni, e li farà solo quando riscontrerà le condizioni necessarie, ovvere essere all’aperto su una superficie adatta.

Come sempre non esiste una regola univoca su questo tema. Tutto dipenderà da dove si vive, se si ha spazio a disposizione all’aperto o meno, dalla stazza del cane e da mille altri fattori. Personalmente, specie a chi abita in appartamento e possiede un cane di piccole dimensioni, consiglio la traversa nelle prime settimane, che specialmente in inverno protegge il cane da uscite freddolose e stressanti. Successivamente sarà però importante insegnare al cane ad espletare i bisogni all’aperto, sempre attraverso belle ed interessanti passeggiate in nostra compagnia.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *