Avere un cane rende felici e fa bene alla salute

Avere un cane rende felici e fa bene alla salute. Chi possiede un cane è certamente già a conoscenza di questo aspetto. Ora però anche la scienza supporta questa tesi.

Chi ne possiede uno sa quanto i cani si facciano amare. La relazione che si crea ci dona amore incondizionato e diventa inevitabile considerare i mostri cani alla stregua di familiari.

Ora nessuno però potrà più affermare il contrario. Infatti la scienza negli anni ha analizzato il rapporto uomo – cane ed è giunta a interessanti conclusioni.

I cani sono in grado di innescare nel nostro cervello il rilascio di dopamina e ossitocina esattamente come fa il rapporto con i bambini o come per le mamme durante l’allattamento.

L’ossitocina è un ormone prodotto dall’ipotalamo e secreto dalla neuroipofisi, una struttura anatomica della grandezza di un fagiolo, posta alla base dell’encefalo. L’ossitocina, oltre ad altre funzioni ormonali, possiede la capacità di regolare i comportamenti sociali ed è alla base di legami emotivi. È l’ormone legato all’affettività verso la prole.

  • Una rete cerebrale comune si attiva quando le madri guardano immagini dei lori figli o del loro cane.
  • Ad accendersi nello stesso modo sono zone importanti per funzioni come: emozione, ricompensa, rapporto filiale, elaborazione visiva e interazione sociale.

Inoltre una interazione positiva visiva e tattile tra il proprietario e il proprio cane dona una sensazione di benessere a entrambi i soggetti. Aumenta così la secrezione di:

  • Ossitocina o “ormone delle coccole” (fiducia, empatia, formazione del legame di coppia)
  • Beta-endorfine (euforia, sollievo del dolore)
  • Prolattina (legami sociali e comportamenti genitoriali, soddisfazione)
  • Feniletilamina (relazione sentimentale)
  • Dopamina (amplifica le sensazioni piacevoli, riduce la secrezione di cortisolo, ormone associato allo stress

 

La pet-therapy: il binomio uomo-animale come strumento di cura di malattie e di situazioni psicologicamente e socialmente compromesse

 

Made For Each Other: “la biologia del legame uomo-animale”

Meg Olmert, autrice del libro “Made For Each Other: la biologia del legame uomo-animale”, spiega che tra proprietario e animale domestico esiste un sistema di feedback neurochimico, psicologico e comportamentale. Esami clinici hanno evidenziato come quando guardando una fotografia del proprio cane o interagendo con essi, che sia giocando o coccolandosi, aumenti l’attività di determinate parti del cervello e aumenti il livello di ossitocina.

È proprio così che oramai negli ospedali di tutto il mondo sono moltissimi gli animali che con la pet therapy aiutano moltissimi malati a stare meglio: fanno abbassare la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e lo stress. In questo modo, sia il cane che il padrone possono rilasciare ossitocina, oppoidi, adrenalina e serotonina.

 

Bibliografia

V. J. Odendaal e R. Meintjes, Neurophysiological Correlates of Affiliative Behaviour between Humans and Dogs, 2003, Veterinary Journal, vol. 165, n. 3, pp. 296-301

Patterns of Brain Activation when Mothers View Their Own Child and Dog: An fMRI Study Luke E. Stoeckel., Lori S. Palley., Randy L. Gollub, Steven M. Niemi, Anne Eden Evins
Plos One, 2014

Nagasawa M, Kikusui T, Onaka T, Ohta M
Dog’s gaze at its owner increases owner’s urinary oxytocin during social interac1on Horm Behav, 2009 Mar; 55(3):434-41.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *