Alitosi del cane: come migliorare l’alito cattivo del tuo amico a 4 zampe

Ci sono molte ragioni per cui il tuo cane potrebbe avere l’alito cattivo, tra cui la dieta e alcune malattie

Ci sono molte ragioni per cui il tuo cane potrebbe avere l’alito cattivo, tra cui la dieta e alcune malattie

Ammettiamolo…Pochi odori sono sgradevoli come l’alito cattivo del cane. Questo potrebbe rendere davvero spiacevole il vostro rapporto, perché è inevitabile che ogni volta che si avvicinerà con il suo musetto la sensazione non sarà delle migliori.

E’ importante perdersi del tempo per capire quali potrebbero essere le possibili cause dell’alitosi e cosa è possibile fare per prevenirlo e curarlo.

Cause dell’alitosi nel cane

I proprietari di cani tendono a non dare troppo peso all’altro cattivo del cane, senza sapere che potrebbe celare qualche problema anche grave.

  1. Igiene orale e malattia parodontale: Le cause più comuni di alitosi nei cani sono la cattiva igiene orale e la malattia parodontale. Proprio come negli esseri umani, l’accumulo di placca e tartaro può portare allo sviluppo di batteri che causano l’alitosi. Se il tuo cane non è un masticatore e non gli lavi regolarmente i denti o non si pulisce i denti con oggetti o strumenti dedicati, la causa più probabile del suo alito cattivo è l’accumulo di placca. Nel tempo, una scarsa igiene orale può inoltre portare a malattie parodontali. Troppa formazione di placca e tartaro può infatti allontanare e alzare le gengive dai denti, esponendo le aree in cui i batteri si potrebbero sviluppare. Questo non solo provoca infiammazione nelle gengive del cane, ma può portare a cavità, infezione, distruzione dei tessuti, perdita dei denti e persino formazione di liquido infetto. E, ovviamente, tutto ciò no può che portare anche a cattivo odore.
  2. Abitudini alimentari errate: I cani sanno davvero essere disgustosi. A volte alcune loro “abitudini” si traducono direttamente in alitosi. Se il tuo cane si lancia regolarmente nella spazzatura o ha per qualche motivo accesso a resti di animali in decomposizione, il suo alito cattivo potrebbe essere il risultato di spuntini non autorizzati. Inoltre i cani sembrano universalmente amare la cacca di gatto e una famiglia vicina di casa con alcuni gatti può essere una forte tentazione a cui il tuo cane difficilmente potrà resistere. La coprofagia provoca ovviamente alitosi nei cani, e occasionalmente anche una lieve nausea.
  3. Diabete: Se l’alito cattivo del tuo cane ha un odore particolarmente dolce o fruttato, devi fissare immediatamente un appuntamento con il tuo veterinario. L’alito dolce e fruttato è infatti un sintomo del diabete, una condizione seria ma comunque curabile. Parlane con il tuo veterinario di fiducia.
  4. Malattie renali: Se il respiro del tuo cane odora di urina, molto probabilmente non è perché ha bevuto pipì. L’odore di urina potrebbe essere un segnale di avvertimento relativo a una malattia renale e merita certamente una visita dal veterinario.
  5. Malattie del fegato: Se oltre al cattivo odore, il tuo cane presenta vomito, mancanza di appetito e ha una certa sfumatura di colore giallo alle gengive, potrebbe avere un problema al fegato. Come le malattie renali, i problemi al fegato possono essere un segno di una condizione grave ed è fondamentale che il cane venga portato al più presto dal veterinario per un controllo.

Come trattare l’alito cattivo del cane

Per quanto sia importante capire i problemi alla base dell’alito cattivo, ciò che vogliamo davvero sapere è come liberarcene. Migliorare l’alito cattivo del cane dipende certamente dalla causa, ma per fortuna esistono parecchie opzioni per il trattamento.

Se la placca, il tartaro e la malattia parodontale sono il motivo dell’alitosi del tuo cane, la cosa migliore che puoi fare è fissare un appuntamento con il tuo veterinario per fissare una pulizia dentale. Il veterinario eseguirà quindi le analisi del sangue per assicurarsi che il cane possa gestire l’anestesia. E’ anche un ottima occasione per escludere qualsiasi altra potenziale causa dell’alitosi del cane. Durante la pulizia, il veterinario potrebbe dover rimuovere i denti allentati o danneggiati, a seconda della gravità della situazione parodontale.

Quando si tratta invece di “spuntini non autorizzati”, la protezione della spazzatura e la limitazione dell’accesso del cane a spiacevoli situazioni all’aperto, risolveranno questo problema. Posizionare la lettiera del gatto fuori dalla sua portata è una soluzione semplice che elimina il consumo di feci, a meno che anche i gatti non facciano la cacca all’esterno. Allora occorrerà attenzione costante nella pulizia dei luoghi frequentati dal cane.

Per quanto riguarda invece il Diabete e le malattie del fegato e dei reni, sono tutte condizioni che richiedono un trattamento di un veterinario. Una volta risolto il problema di fondo, anche l’alitosi del tuo cane dovrebbe scomparire.

La prevenzione dell’alitosi del cane

Il modo più semplice per prevenire l’alitosi del cane è di lavare i denti regolarmente. La spazzolatura dei denti riduce la placca e favorisce una migliore igiene orale, proprio come accade nell’uomo, e con un po ‘di allenamento, la maggior parte dei cani impara anche a divertirsi lavandosi i denti.

Fornire inoltre al tuo cane molti giocattoli per la masticazione aiuta a prendersi cura dei propri denti in modo naturale. La masticazione previene l’accumulo di placca e tartaro e allevia la noia, mantenendo il tuo cane sano e felice. Assicurati solo di selezionare i giocattoli da masticare adeguati alle dimensioni e all’età del tuo cane.

Le razze piccole possono richiedere più cure dentistiche rispetto alle razze grandi in quanto sono più inclini alla malattia parodontale, secondo l’AKC Health Foundation. Le razze più piccole tendono ad avere denti più vicini tra loro, il che favorisce l’accumulo di placca e tartaro, quindi assicurati di fornire loro un sacco di giocattoli per la masticazione sin dalla tenera età e a lavare loro i denti regolarmente.

Dì addio al alito cattivo del tuo cane oggi prendendo un appuntamento con il tuo veterinario per capire le possibili cause dell’alito cattivo del tuo cane e le possibilità di trattamento. Come con la maggior parte dei problemi di salute, la prevenzione è sempre la cura migliore, quindi acquista subito un tubo di dentifricio per cani e inizia a lavargli i denti almeno una volta al giorno per prevenire la carie orale.

Alcuni prodotti per l’igiene orale del tuo cane

CLICCA QUI per alcuni prodotti che utilizziamo anche noi con i nostri cani.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *